Mostra Internazionale d’Arte Presepiale

La manifestazione, organizzata dalla locale Pro Loco di Giffoni Valle Piana, si svolge dal 1 dicembre al 7 gennaio su un’area di 600 mq nel trecentesco complesso monumentale di S. Francesco. La Mostra, suddivisa in tre sezioni, ospita una rassegna monografica sul presepe tradizionale napoletano con l’esposizione di opere realizzate da artisti campani, una sezione dedicata ad opere provenienti da una regione italiana e un’altra con presepi provenienti da una nazione estera.

“Il convento di S. Francesco” fino a poco più di un decennio fa, nonostante la sua imponenza, altro non era che un rudere. Edificato in epoca medioevale, il complesso venne ampliato nel corso degli anni fino a comprendere la chiesa con il campanile a pianta quadrata e il convento con il suo splendido chiostro. É in stile gotico ed è stato stupendamente affrescato da artisti di scuola giottesca. Il suo declino cominciò agli inizi dell’800 in un clima di insensibilità assoluta che si è protratta fino a pochi anni fa. In questo lungo arco di tempo l’incuria, la distruzione e l’abbandono hanno provocato danni che sembravano irreparabili ma che, per fortuna, non si sono rivelati tali. Il restauro realizzato negli anni Novanta è durato sette anni ed ha riportato il convento all’antico splendore trasformandolo in un centro culturale che nel corso dell’anno ospita svariate manifestazioni come concerti, mostre, convegni. Proprio nelle sale del convento, in una magica atmosfera creata dalla bellezza del luogo, dal clima natalizio e dalle pregevoli opere esposte, si svolge la Mostra presepiale.

La storia della manifestazione si può sintetizzare in un crescendo di iniziative e successi. Indimenticabili le edizioni che hanno ospitato presepi provenienti da Germania, Polonia, Austria, Ungheria, Repubblica Ceca, Perù e dal continente africano. La presenza di un pubblico sempre più numeroso ed entusiasta conferma il livello qualitativo ormai raggiunto dall’evento. Il gradimento è testimoniato soprattutto da un particolare tipo di pubblico, quello giovanile, proveniente dalle scuole di ogni ordine e grado della regione. Ogni anno i ragazzi rispondono con grande entusiasmo al nostro invito e così, non di rado, gli studenti girano tra le opere esposte con sguardo incantato: niente è più vicino del presepe all’immaginario dei ragazzi che, più degli adulti, sono capaci di percepire il suo messaggio di pace e di solidarietà e di interiorizzarlo.

La visita alla Mostra viene anche associata ad escursioni, in particolare presso il borgo medievale di Terravecchia, e alla visita di luoghi di interesse artistico e culturale come la Congrega della S.S. Immacolata risalente al ‘600. Inoltre i visitatori hanno la possibilità di degustare presso ristoranti convenzionati i piatti tipici della tradizione culinaria picentina.